Centro Nazionale per la
Cura dei Tumori dell'Ipofisi

Direttore: Prof. P. Mortini

Nella chirurgia trans-naso-sfenoidale l’endoscopio e gli strumenti chirurgici vengono introdotti attraverso la cavità nasale e lo sfenoide (un osso a forma di farfalla situato alla base del cranio) fino alla cavità sfenoidale. La chirurgia transfenoidale viene utilizzata nella rimozione di tumori ipofisari che, pur essendo all’interno del cranio, non coinvolgono propriamente la massa cerebrale.

 

LA CHIRURGIA TRANSFENOIDALE PER I TUMORI IPOFISARI

Attraverso la chirurgia transfenoidale il chirurgo può raggiungere l’ipofisi attraverso il naso ed il seno sfenoide – transfenoide significa infatti “attraverso il seno sfenoide”. Con l’ausilio di un microscopio operatorio o di un endoscopio il chirurgo può “farsi largo” tra questi passaggi e rimuovere il tumore attraverso il naso senza dover fare una incisione sul volto del paziente o attraverso il cranio.

La chirurgia transfenoidale può anche essere utilizzata in casi selettivi per trattare tumori all’interno della cavità cerebrale.

Inoltre è possibile utilizzare sistemi quali microscopi operatori o endoscopi così da poter avere una miglior visione delle strutture anatomiche su cui intervenire.

 

Transsphenoidal